BENVENUTI  NEL  NOSTRO  SITO

Partner


Download Maps Siracusa

Download
Siracusa Maps.pdf
Adobe Acrobat Document 2.9 MB

Il B&B Cumpari Turiddu, classificato nella categoria a tre stelle, è ideale per soggiorni piacevoli e rilassanti.


La nostra struttura offre diverse tipologie di camere, tutte finemente arredate e dotate di ogni confort.


Camera tutte climatizzate e dotate della connessione WiFi gratuita, le camere dispongono di TV a schermo piatto e bagno privato con doccia, set di cortesia e asciugacapelli. Parcheggio privato.

NOSTRA CAMERA

Basato sul romanzo, I Malavoglia è il romanzo più conosciuto dello scrittore siciliano Giovanni Verga, 
pubblicato nel 1881. È una delle letture più diffuse e indicate nei programmi di letteratura italiana.

Lia

 

La novella racconta la storia di Turiddu Macca, figlio di Nunzia, un bel giovane di famiglia povera appena tornato al paese natio dopo aver svolto il servizio militare. Turiddu si pavoneggia ogni domenica sfoggiando la divisa da bersagliere, ed in particolare il cappello della sua divisa diviene suo indumento abituale. Turiddu attira a sé gli sguardi curiosi e furbi dei monelli del paese e quelli di tutte le ragazze, che se lo mangiano con gli occhi. Il giovane ha però interesse solo per la bella Lola, figlia del massaio Angelo, suo interesse amoroso prima della leva. Turiddu viene a sapere che Lola si è fidanzata con compare Alfio, carrettiere di Licodia. Il giovane, dopo una serie di incontri con Lola, cerca di mettere una pietra sopra alla storia d'amore passata



LOLA

 Figlia del massaio Angelo, suo interesse amoroso prima della leva. Turiddu viene a sapere che Lola si è fidanzata con compare Alfio, carrettiere di Licodia. Il giovane, dopo una serie di incontri con Lola, cerca di mettere una pietra sopra alla storia d'amore passata. Ma la gelosia riesplode dopo il matrimonio tra Lola e Alfio: Turiddu, ormai non più per amore ma per semplice ripicca, è deciso a possedere la donna. Inizia, così, a corteggiare Santa, la figlia del massaio Cola e dirimpettaia di Alfio e Lola

 

 


Mena

Il giorno dopo Turiddu dà l'addio a sua madre, mentre, contemporaneamente, Alfio lascia intendere a Lola quello che sta per succedere. I due uomini si incontrano e, dopo aver percorso un tratto di strada insieme, danno il via al duello a colpi di pugnale, l'uno deciso ad ammazzare l'altro. Pare che Turiddu, sebbene ferito al braccio sinistro, abbia la meglio su Alfio. Ma il mulattiere acceca a tradimento l'avversario e lo finisce con una coltellata alla gola "senza dargli il tempo di proferire nemmeno: - Ah, mamma mia!" e con quella coltellata vendica non solo l'onore ma anche l'amore



Youtube


Facebook




Percorso Tour Virtuale 360


Per una migliore visualizzazione mettere il video in pausa. Mettere alta risoluzione. Buona visione. 

«L’Italia senza la Sicilia, non lascia nello spirito immagine alcuna. È in Sicilia che si trova la chiave di tutto»

 

«La purezza dei contorni, la morbidezza di ogni cosa, la cedevole scambievolezza delle tinte, l’unità armonica del cielo col mare e del mare con la terra…chi li ha visti una sola volta, li possederà per tutta la vita». (J.W.Goethe, “Viaggio in Italia”, 1817)